La novità in assoluto più rilevante è l’inserimento della tassazione delle criptovalute nel Testo Unico delle imposte sui redditi. Questo determina che la tassazione delle criptovalute acquisisca a tutti gli effetti la piena connotazione di una disposizione legislativa. Pertanto, non vi sono più margini di incertezza o ambiguità in merito all’obbligo di tassazione, in quanto tale obbligo è ora sancito dalla legge stessa.

Secondo punto cruciale da chiarire riguarda il momento in cui si applica la tassazione. Fino a questo momento, ci eravamo abituati a monitorare il famigerato limite di 51.000 Euro, previsto dalla normativa relativa alle valute estere, che dall’Agenzia delle entrate veniva “applicata” mediante una interpretazione estensiva della norma. In altre parole, l’Agenzia delle entrate sosteneva che, in assenza di una regolamentazione specifica sulle valute virtuali, queste dovessero essere assimilate alle valute estere con l’applicazione delle relative disposizioni normative in maniera indiscriminata.TikTok

La nuova legislazione fiscale concernente le criptovalute introduce una nuova disciplina che prevede un limite di 2.000 Euro di plusvalenza, al superamento del quale si applica un’imposta del 26%.

Pertanto, l’attenzione si sposta dalla giacenza al concetto di plusvalenza. Per comprendere meglio questo aspetto, consideriamo un esempio: Supponiamo che un individuo, Tizio, detenga 52.000 Euro in Bitcoin e nel corso del 2023 realizzi una plusvalenza di soli 1.000 Euro. In conformità con la nuova legge di Bilancio, poiché Tizio non ha superato la soglia di 1.000 Euro di plusvalenza, non sarà sottoposto alcuna tassazione.

Un terzo aspetto importante riguarda la possibilità di rivalutare il valore di acquisto delle criptovalute detenute al 1° gennaio 2023, a condizione che il suddetto valore sia soggetto a una tassazione del 14%. È importante sottolineare che ciò costituisce un’opportunità e non un obbligo.

Ti è piaciuto? Condividilo!

Per saperne di più su Cripto-Tasse e Legge di Bilancio 2023

Crypto Valute e tasse: se non dichiaro cosa rischio?

Avv. Olga Palma

Mi occupo di diritto societario internazionale, contratti, privacy, aspetti legali relativi a business digitali e protezione di asset (ad esempio: investimenti in crypto, proprietà intellettuale).

>